martedì 1 marzo 2011

Taglio agli incentivi per l'energia rinnovabile

il taglio agli incentivi per l'energia rinnovabile che il governo si stà preparando a varare fa imbestialire le associazioni del settore e gli ambientalisti.
Tra le contestazioni mosse al governo ci sono:

  • il tetto agli incentivi posto a quota 8 mila MW fotovoltaici previsti nel 2020, cifra che per sarà raggiunta già quest'anno, in paragone una nazione come la Germania, con una quantita di radiazione solare inferiore all'Italia, per la stessa data ha posto come obiettivo 52 mila megwatt, cioè un limite di quasi 7 volte superiore.
  • Il voler bloccare lo sviluppo di eolico, solare e biomasse per favorire il nucleare.

Nessun commento: